Sorta sugli antichi ruderi del tempio di Apollo intorno alla metà del X secolo. Il sacro edificio subì gravi danni nel 988; fu saccheggiato dai soldati di Manfredi nel 1255, inaugurato nel 1309, fu danneggiato nel 1349. Distrutto nel 1456 ha subito, in alterna vicenda, gravissimi danni dai sismi del 1628 – 1694 – 1702 – 1732 – 1905 – 1930 – 1962, nonché nell’ultimo evento tellurico del 1980 (è stato riaperto al culto nel 1982). Quello che resta di antico è la facciata, in stile romanico a capanna, fatta costruire nel 1500 dal vescovo De Hippolitis e portata a termine dal suo successore mons. Carafa, in pietra arenacea verde di Roseto. Fanno parte di questo periodo i portali, mentre i rosoni sono di fattura postuma.