Il palazzo abbaziale di Loreto è ancora una casa di clausura, dunque l’accesso al suo interno è per lo più interdetto, salvo che in occasioni particolari in concomitanza con eventi. Al piano terra si trova l’ingresso con la volta affrescata nel 1750 da Antonio Vecchione, la portineria e il parlatorio (ora Sala degli stemmi), la cui volta affrescata si deve all’architetto avellinese Giuseppe De Luca. Nel parlatorio  merita di essere ricordata la tela di autore ignoto raffigurante la consegna della Regola di San Benedetto a San Guglielmo e quella del pittore Onofrio Avellino, datata al 1732, raffigurante il papa Clemente XII . Sempre al piano terra troviamo la farmacia.